RSA Tabarracci

Tutti gli ospiti della RSA Tabarracci vaccinati contro il Covid-19

Sabato 20 febbraio si è conclusa la campagna per le vaccinazioni anticovid-19 rivolta agli ospiti della della RSA Tabarracci.

Tutti gli anziani ospiti della struttura, compresa la ultracentenaria Rosita in RSA dal 2015, hanno effettuato la seconda dose del vaccino.

La sicurezza è tutelata da un costante monitoraggio della situazione attraverso tamponi antigenici effettuati regolarmente ad ospiti e personale afferente alla struttura, e dalla sospensione dell’accesso da parte di familiari, una scelta dolorosa ma necessaria nel rispetto della normativa vigente in materia.

All’interno della struttura, di proprietà di iCARE, è stato potenziato il sistema di comunicazione e l’impianto wi-fi e sono stati acquistati tablet da mettere a disposizione degli operatori per consentire videochiamate e invio di foto e video ai parenti per dare notizie sullo stato di salute dal punto di vista sanitario ed assistenziale e per renderli partecipi e consapevoli della vita degli anziani in RSA.

Per il benessere fisico e psicologico degli ospiti, il personale della RSA Tabarracci ha sempre organizzato numerose attività, nel rispetto delle indicazioni in materia di prevenzione da diffusione del Covid-19, per far trascorrere il tempo agli anziani, per impegnarli e stimolarli tenendo conto delle loro abilità, individualità ed interessi; gli ospiti hanno mostrato di gradire queste attività partecipando attivamente.

Per consentire lo svolgimento di incontri in presenza è stato installato un interfono in una stanza che dà sull’area esterna di pertinenza della struttura: una modalità di incontro che non sostituisce il calore di un bacio o di un abbraccio ma consente comunque un contatto visivo diretto tra l’ospite e il proprio caro.

Siamo consapevoli che qualsiasi tipo di contatto e comunicazione frequente favorisce innegabilmente il benessere ‘psicologico’ della persona - afferma Michela Cordoni, responsabile del settore servizi sociali di iCARE - In questo momento ci siamo trovati costretti, nostro malgrado, a dover regolamentare i rapporti tra ospiti e familiari e tutti quegli aspetti affettivi che per loro natura dovrebbero potersi esprimere liberamente, senza costrizione alcuna, ma lo facciamo per tutelare la salute degli ospiti cercando di mantenere costantemente i rapporti, aiutandoci anche con le possibilità che ci sono offerte dalle nuove modalità di comunicazione”.

 

Top of Page

Questo Sito Web utilizza la tecnologia 'cookies'. Continuando ad utilizzare questo sito stai autorizzando l'utilizzo dei cookies.